Mobilitazione no Pillon

Inserito da: Redazione centrale

Dettagli

Sabato 10 Novembre ore 15.30 Piazza Savonarola Convegni, seminari, conferenze

NO alla mediazione obbligatoria e a pagamento
NO all’imposizione di tempi paritari e alla doppia domiciliazione/residenza dei minori
NO al mantenimento diretto
NO al piano genitoriale
NO all’introduzione del concetto di alienazione parentale

Sono questi 5 NO che verranno ribaditi a Ferrara in una mobilitazione che coinvolge il movimento delle donne, l’associazionismo democratico, tante realtà della società civile, uomini e donne che da subito si sono espressi contro il Disegno di legge Pillon su separazione e affido, sottoscrivendo la petizione lanciata da D.i.Re Donne in rete contro la violenza su Change.org per chiederne il ritiro e che ha raggiunto oltre 97.000 firme.

Di fatto si vieta il divorzio a chi è meno ricco perché le separazioni saranno fortemente disincentivate dagli alti costi imposti dalla mediazione obbligatoria e a pagamento.

I figli e le figlie diventeranno ostaggi di un costante negoziato sotto tutela per far funzionare il mantenimento diretto a piè di lista e il piano genitoriale con doppio domicilio.

Le donne, la parte in genere economicamente più debole delle coppie perché su di esse grava il lavoro di cura e perché hanno mediamente stipendi più bassi anche a parità di lavoro, rischiano di restare stritolate in un percorso pensato soprattutto per imporre e arricchire una nuova figura professionale, quella del mediatore familiare, anche disconoscendo la pervasiva violenza maschile che è causa di tante separazioni.

La mobilitazione ferrarese vede com promotrici UDI Unione donne in Italia, CGIL, Centro Donna Giustizia, Arcigay e Arcilesbica ma vedrà in piazza molte altre realtà, e si svolgerà con un presidi e interventi pubblici in moltissime città.

Il disegno di legge Pillon deve essere ritirato.

Informazioni

Altre info donnagiustizia.fe@libero.it 0532/247440

Indirizzo

Piazza Savonarola, Ferrara, FE, Italia